Come promesso ecco qua il report finale relativo alla Dieta Mima Digiuno che ho effettuato.

Facciamo una piccola premessa ricordando cos’e’ la DMD e a cosa serve.

CHE COS’E’ LA DIETA MIMA DIGIUNO

Uno dei motivi principali dell’insorgenza di malattie come l’Alzheimer, il Diabete di tipo II, la maggior parte dei tumori e delle malattie cardiovascolari, è legato all’invecchiamento cellulare.

Il Professor Valter Longo, dopo aver scoperto due delle tre vie metaboliche che causano l’invecchiamento cellulare, ha intrapreso un viaggio insieme al suo gruppo di ricerca al fine di individuare un intervento di grande impatto che riducesse o invertisse l’invecchiamento biologico.

Gli studi condotti, sponsorizzati dal National Institute of Health, dal National Cancer Institute e dal National Institute on Aging hanno portato all’ideazione di un protocollo dietetico denominato Mima Digiuno.

Longo propone due tipi di “dieta”:

  • nel primo caso si parla di dieta “della longevità” basata su un regime alimentare che predilige verdure, cereali integrali, proteine di origine vegetale e pesce.
  • nel secondo  si parla di una “dieta mima-digiuno”, da praticare per cinque giorni consecutivi  con una frequenza variabile . Longo ribadisce il concetto che non si tratta di un sistema per dimagrire. La perdita di chili è  solo un effetto collaterale della dieta mima-digiuno che serve per riprogrammare le cellule, dando benefici rispetto all’invecchiamento. Nello specifico ecco cosa succede al nostro corpo durante i 5 giorni di DMD

Il kit proposto della Dmd contiene 5 box con le cose specifiche che dobbiamo mangiare e integrare giorno per giorno seguendo uno schema ben preciso.

Il programma prevede il 1°giorno circa 1100 kcal, mentre dal 2°al 5° sono circa 800 kcal, dove si limita essenzialmente i glucidi e le proteine a favore dei grassi “buoni”.

Lo scopo della DMD non è quello di dimagrire, bensì “resettare” il nostro corpo; promuovendo una rigenerazione cellulare e un ringiovanimento. Quindi, per tutti coloro che vogliono avvicinarsi a questo nuovo regime con il mero fine di dimagrire, mi sento di sconsigliare immediatamente l’avvio.

Ho effettuato questo tipo di alimentazione per testare su di me gli effetti e per poter dare un parere reale, dato dalla messa in pratica  dello schema e non basato sulla teoria letta sui libri.

CONFERMO e SOTTOLINEO che non tutti possono fare questo tipo di alimentazione, ci sono categorie specifiche di persone che dovrebbero evitarla completamente (minorenni, gravidanza e allattamento, persone con disturbi alimentari ecc…..). Per tutti gli altri e’ necessario farsi seguire da un medico e un nutrizionista evitando in maniera assoluta il FAI DA TE.

Sconsiglio anche di effettuare attività fisica o comunque attività’ impegnative in quei 5 giorni, la cosa migliore sarebbe iniziare la DMD in ferie, quando abbiamo tempo da dedicare a noi stessi ascoltando i segnali che il nostro corpo ci manda.

COSA MI E’ SUCCESSO NEI 5 GIORNI DI MIMA DIGIUNO

Come già anticipato nei post messi sui social durante il mio percorso, i primi DUE giorni e’ stata dura…spossatezza infinita, mal di testa, giramenti di testa derivanti chiaramente dalla forte restrizione calorica e di glucidi che viene apportata.

Dal TERZO giorno, entrando in chetosi ho avuto l’effetto opposto: forte energia, lucidità’ mentale e sensazione di benessere. La pelle e’ visibilmente migliorata, la fame non l’ho mai percepita. Definirei i prodotti che troviamo nei kit come “formule chimiche” sotto forma di cibo, che forniscono al corpo una combinazione di micro e macro-nutrienti progettata per mantenere il corpo nutrito mentre attraversa il processo di ringiovanimento.

Alla fine dei 5 giorni avvertivo la necessita’ di mangiare cibi freschi, cosa che ho fatto dal sesto giorno iniziando con una porzione di riso integrale con verdure e poche lenticchie decorticate.

Dal settimo giorno ho ripreso la mia alimentazione quotidiana basata sul consumo di frutta, verdura, cereali integrali, pesce, carne bianca (sconsigliata dal prof Longo, ma assolutamente accettabile dal mio punto di vista), frutta secca, olio extravergine di oliva, legumi, uova e formaggi magri.

Premetto che la mia e’ un’alimentazione sana da sempre e sarebbe veramente assurdo effettuare la DMD se poi, una volta finita, si ritorna a mangiare come uno vuole senza la minima attenzione alla qualità degli alimenti e all’educazione alimentare proposta dal nostro modello mediterraneo.

La rigenerazione cellulare avviene quando si ricomincia a mangiare “normalmente” e per “normalmente” intendo quello che vi ho sopracitato, non certo pasta bianca, pane bianco e carne rossa. Ecco che la DMD può diventare anche uno strumento per fare una pulizia dell’organismo, cominciando immediatamente dopo una sana alimentazione, cercando di eliminare o ridurre al minimo le cattive abitudini.

IN DATI  DALL’INIZIO DEL PERCORSO

  • ho perso 2 kg,
  • sono passata da una massa grassa dal 18% al 9,8%,
  • ho mantenuto una buona massa muscolare,
  • il metabolismo basale non si e’ abbassato e le analisi ritirate sono perfette, compresa la PCR (proteina c reattiva che indica uno stato infiammatorio) che all’inizio dei 5 giorni avevo alterata.

CONCLUSIONI PERSONALI

I benefici della riduzione delle calorie in termini di salute e prevenzione sono noti da decenni.

In base alla mia personale esperienza ritengo che il Mima Digiuno proposto da Valter Longo possa essere un valido strumento per ridurre i fattori di rischio e i biomarcatori relativi a infiammazione cellulare e numerose patologie metaboliche e degenerative.

Diventa totalmente inutile se nel proseguo non si applicano quelle che sono le basi della sana alimentazione apportate da numerosi studi scientifici.

Il ruolo del  nutrizionista, dietologo, dietista e altre figure esperte in alimentazione non può’ assolutamente essere sostituito da un “kit”.

Quindi.. buono strumento per favorire la detossificazione e abbassare i fattori di rischio, ma, come dice un mio caro collega, “l’educazione alimentare deve essere permanente ed essere percepita come un cambiamento di vita per sempre”.

Un commento su “LA MIA ESPERIENZA DELLA DIETA MIMA DIGIUNO: IL REPORT”

  • Grazie Monica, ho mangiato le tue parole in pochi secondi e mi sono convinto, voglio provarla anche io, sia per il dimagrimento, sia per il rinnovamento cellulare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *